Saturday, 24 January 2015

The storyteller

Nella locanda affollata gli avventori chiedono a gran voce un'altra storia. La loro pancia e' piena di cibo, il vino da loro allegria, per loro e' tempo di divertimento e vogliono ascoltare un'altra storia. Al mattino torneranno alle loro preoccupazioni, ma ora non ci vogliono pensare. Ma la bocca del cantastorie e' secca, la sua gola brucia, per tutte le ballate che ha raccontato loro. Dov'e' quella cara ragazza della ballerina? Dove sono i due aitanti musici? Perche' non si fanno avanti per dargli un breve tempo di riposo? Le voci si alzano, alcune si fanno rabbiose guidate dall'ebbrezza del vino. Nessuno si fa avanti per rilevare il cantastorie. Solo il padrone della locanda si avvicina, con una mezza pinta di birra e l'incoraggiaento a continuare. La paga va meritata, dice con un sorriso mellifluo. Il cantastorie inghiotte la sua bile con un sorso di birra, poi la sua voce si leva nell'apertura di una nuova ballata, per la felicita' degli avventori. Stanotte non c'e' riposo per il cantastorie; domani potra' riposare, quando gli altri saranno impegnati nei loro affari e a malapena si degneranno di salutarlo. Fino al successivo momento in cui vorranno divertirsi.

In the crowded inn the customers shout for a new story. Their bellies are full of food, the wine gives them cheerfulness, it's time of fun and they want to listen to an another tale. At the morning they'll go back to their worries, but now they don't want to think about them. But the storyteller's mouth is dry, his throat soars due all the ballads he played to them. Where's the dancer, that nice girl? Where are the two awesome musicians? Why don't they step forward to give him a bit of relief? The voices rise, some become angry with the inebriation brought by the wine. Nobody comes to release the storyteller. Just the landlord comes closer, with a half a pint of ale and the hint to carry on. The wage must be deserved, he says with a honeyed smile. The storyteller wash his gall down with
a sip of ale, then his voice rises in the opening of another ballad, for the patrons' happiness. There's no rest tonight for the storyteller: tomorrow he will be allowed to rest, when the other ones will mind their own businesses and hardly will deign him of a greeting. Till the next time they will want fun.

No comments:

Post a Comment